Pizza integrale e di farro con kamut

A chi non piace la pizza?! Questa volta però parliamo di due impasti un po’ particolari: uno di farina integrale e manitoba (che serve a facilitare la lievitazione della farina integrale) e uno con farina di farro e farina di kamut. Entrambi gli impasti sono molto saporiti, quello di farro dà pizze più croccanti ma anche l’integrale si difende bene. Per quanto riguarda i condimenti ci si può sbizzarrire: io ho avuto la fortuna di ricevere per regalo una bella pallina di tartufo che ho generosamente grattugiato su una delle pizze, però ci si accontenta anche di altro…

I dosaggi dell’impasto sono praticamente identici a quelli della focaccia integrale, ho messo un pelino meno di lievito (circa 1 g meno), cambiano solo le proporzioni tra le farine. Ah, dimenticavo, stavolta non ho impastato a mano ma ho usato il robot da cucina con la lama in plastica per amalgamare… il top sarebbe l’impastatrice ma al momento mi accontento!

  • IMPASTO INTEGRALE

INGREDIENTI per 2 teglie rettangolari 32×37 cm:

100 g di farina manitoba

200 g di farina integrale

170 g di acqua

6 g di lievito di birra fresco

1 cucchiaino di malto d’orzo (o miele o zucchero)

1 cucchiaino di sale

  •  IMPASTO DI FARRO E KAMUT

INGREDIENTI per 2 teglie rettangolari 32×37 cm:

100 g di farina di kamut

200 g di farina di farro

170 g di acqua

6 g di lievito di birra fresco

1 cucchiaino di malto d’orzo (o miele o zucchero)

1 cucchiaino di sale

PROCEDIMENTO:

Ho messo 150 g di acqua in un bicchiere insieme al malto e al lievito, ho mescolato bene il tutto e ho iniziato a pesare le farine. Ho messo nel robot per prima cosa le farine, ho acceso a bassa velocità e dall’apertura in alto ho iniziato a versare lentamente il contenuto del bicchiere. I restanti 20 g di acqua mi servono per sciogliere il sale che aggiungerò solo dopo aver versato tutto il lievito. A questo punto ho aumentato la velocità e si è formata una bella palla di impasto…è pronto! Tolta la pasta dal robot, sono passata al piano di lavoro infarinato ed ho lavorato l’impasto a mano per qualche minuto fino ad ottenere una consistenza morbida ma non appiccicosa e liscia.

integralefarro e kamut

Ho messo i due impasti in una zuppiera unta di olio, li ho coperti con un canovaccio e li ho messi dentro il forno spento per circa 3 ore. Ecco come sono diventati:

IMG_20141017_111209

Ho diviso ogni impasto a metà e ciascuna metà l’ho tirata con il matterello molto sottile. Ho unto le teglie e steso l’impasto aiutandomi con le mani.

IMG_20141017_111322

Mentre l’impasto lievita ancora un po’ in teglia, accendo il forno statico a 250° e aspetto che arrivi a temperatura. Intanto mi organizzo con i condimenti. Appena il forno è caldo condisco le mie pizze con pomodoro, origano, sale, olio evo e metto in forno per una precottura di circa 10 minuti. Il metodo della precottura parzialmente condite serve a farle lievitare bene in forno e mantenerle croccanti, in più è comodo quando si hanno ospiti o si fanno tante teglie perchè l’ultima cottura richiede solo 5 minuti e si va in tavola!!! Una volta terminata la precottura delle teglie passo alla funzione forno ventilato, aggiungo alle mie pizze mozzarella, funghi, salsiccia e tutto ciò che più ci piace e poi rinforno ancora 5 minuti, sempre a 250°. Nel caso della pizza bianca al tartufo per la precottura ho messo solo un filo d’olio e solo per la seconda cottura ho aggiunto la burrata.

I miei risultati:

melanzane e parmigiano

prosciutto e funghetti

salsiccia e carciofini

burrata e tartufo

Pizza integrale e di farro con kamutultima modifica: 2014-10-19T17:51:53+00:00da deliziando
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*