Polpo con patate, porri e ceci

Buongiorno a tutti, rieccomi qua dopo le feste che sono state molto impegnative a lavoro  e che quindi mi hanno tolto il tempo da dedicare al blog. Si riparte con una ricetta di pesce, secondo piatto o antipasto….vedete un po’ voi. E’ una versione leggermente diversa dalla classica del polpo con le patate, la vedo una versione un po’ più invernale. Ho usato il polpo congelato che secondo me viene più morbido. Il tempo di cottura varia in base al peso, fate conto che per 1 Kg di polpo congelato ci vogliono 55 minuti circa dall’ebollizione, poi si lascia il polpo a raffreddare nel suo brodo. In questo modo garantisco che viene tenerissimo!!!

INGREDIENTI per 2/3 persone:

Un polpo congelato (700 g circa)

3 patate medie

1/2 porro (la parte bianca)

100 g di ceci già lessati

Sedano, carota, cipolla

Olio evo

Sale e pepe

PROCEDIMENTO:

Mettere in una pentola capiente il polpo congelato, mezza cipolla, mezza carota, una costa di sedano, un cucchiaio d’olio evo e acqua calda fino a coprire il tutto. Coprire con il coperchio e portare a bollore.

IMG_20141203_160336

Cuocere per circa 35 minuti, sempre coperto e a fuoco basso. Poi spengere il fuoco e lasciare a raffreddare.

Lessare i ceci precedentemente ammollati in acqua, aglio e salvia. Lessare le patate con la buccia, poi spellarle quando sono ancora tiepide.

Quando il polpo sarà freddo, toglierlo dal brodo e tagliarlo a tocchetti. Metterlo in una ciotola, aggiungere i ceci e le patate tagliate anch’esse a tocchetti più o meno della stessa dimensione del polpo. Tagliare il porro a rondelle sottili, metterlo in un colino fine e passarlo qualche secondo nel brodo bollente del polpo. Toglierlo e passarlo subito in acqua fredda con ghiaccio. In questo modo il porro non si cuocerà e rimarrà croccante ma perderà un po’ di forte.

IMG_20141203_160439

Unire anche il porro al polpo, salare, pepare e condire con olio evo. Servire freddo o tiepido.

IMG_20141203_160046

Polpo con patate, porri e ceciultima modifica: 2015-01-13T14:04:13+00:00da deliziando
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*